10 Migliori trekking in Italia e nel Mondo

10 Migliori trekking in Italia e nel Mondo

LINK UTILI:

Itinerari - 🥾 Trekking - 📚 Libri - 🎞 Film - 🔎 Carte topografiche - 🛒 SHOP ONLINE

trekking estate

Un’escursione in montagna è quanto di più bello possa esserci per chi ama il trekking. Certo, a patto di sapere dove andare ed avere le informazioni utili per ogni sentiero scelto. Fare un trekking di più giorni certo è un’esperienza unica e irripetibile che vale sempre la pena fare. In questa breve guida vedremo alcuni fra i più famosi e straordinari trekking da fare nel Mondo e in Italia, sperando che qualcuno di questi possa essere da spunto per il tuo prossimo viaggio o avventura.

Per fare questi viaggi occorre comunque avere già di proprio una certa esperienza di cammini e trekking di montagna, essere allenati alla fatica e alla quota e avere un buon spirito di adattamento. Inoltre bisogna obbligatoriamente affidarsi ad agenzie e guide locali con viaggi organizzati dall’inizio alla fine.

Trekking di più giorni all’estero

Come anticipato vediamo quindi una carrellata di dieci trekking assolutamente imperdibili.

1) Trekking al Campo Base dell’Everest, Nepal

Questo è il primo dei bellissimi ed imperdibili itinerari che vi suggeriamo, in Nepal al cospetto della montagna più famosa e fra le più belle e affascinanti del mondo: l’Everest. Questo trekking è un grande classico perfetto come prima esperienza da fare in Nepal al cospetto delle montagne più alte del mondo che superano gli ottomila metri di altezza.

campo base everest trekking viaggio nepal

Informazioni utili
La cima più alta che si può raggiungere in questo percorso è quella di Kala Pattar, che arriva a 5.545 mt. slm.

Tipo di percorso
Questo trekking è adatto ad escursionisti mediamente allenati e comunque è consigliato prepararsi fisicamente nei mesi precedenti il trekking perché il percorso prevede camminate di almeno 5-6 ore al giorno, senza contare il fattore quota e altitudine che potrebbe essere un problema per chi non è abituato.

Quando partire
Il momento migliore per partire è quello che va da ottobre a dicembre, e poi quello compreso tra marzo e maggio.

Cosa vedere
Immancabile in questo itinerario che parte dall’Everest Base Camp, è il Sagarmatha National Park, percorribile dai sentieri che costeggiano monasteri e piccoli centri abitati.

👉 Vai alla recensione completa del viaggio (CLICCA QUI)

prenota ora

2) Trekking al Campo Base dell’Annapurna

Il secondo trekking più bello al mondo è quello del campo base dell’Annapura (4130 m) nel cuore dell’Himalaya e permette di vedere vari ottomila e attraversare villaggi dove il tempo sembra essersi fermato.

trekking campo base annapurna

Informazioni utili
La vetta più alta raggiunta è quella del campo a 4.130 mt. slm.

Tipo di percorso
Una tabella di marcia tipo di questo trekking dura dalle 4 alle 6 ore al giorno, e quindi chi decide di intraprendere questo percorso deve essere bene allenato e in salute e con un buon spirito di adattamento.

Quando partire
Il periodo migliore per godere di questo splendido itinerario è l’autunno e la primavera.

Cosa vedere
Questo trekking si snoda all’interno del Parco Nazionale omonimo, che rappresenta l’area più grande a livello naturalistico di tutta la regione.

👉 Vai alla recensione completa del viaggio (CLICCA QUI)

prenota ora

3) Trekking di 16 giorni al campo base di Kanchenjunga

ttekking campo base kanchenjunga

Questo viaggio ti permetterà di esplorare la terza vetta in ordine di altitudine del mondo con i suoi 8586 m (sono 14 gli ottomila, cioè le montagne che superano gli 8000 m di quota), in una delle zone più remote del Nepal, al confine tra Nepal e India. Durante questo viaggio assolutamente straordinario potrai ammirare paesaggi mozzafiato e incontrare la popolazione locale.

Informazioni utili
Sapevi che il nome tradotto di ‘Kanchenjunga’ suonerebbe come cristallo trasparente?

Tipo di percorso
Il trekking si snoda intorno al fiume Arun, che scorre lungo i villaggi popolati dagli abitanti del posto. Potrai conoscere meglio la cultura degli Sherpa, che incontrerai a nord, o dei Brahman a sud.

Quando partire
Il periodo migliore per compiere questo trekking è la primavera o l’autunno.

Cosa vedere

Si tratta di uno dei percorsi più suggestivi al mondo. Nella zona vivono animali selvatici quali il leopardo delle nevi o il maestoso orso bruno. La flora si caratterizza per la grande varietà, così come la fauna, in particolare di grandi volatili.

prenota ora

4) Everest: trekking da Lukla a Kala Patthar

trekking da lukla a kala patthar

Questo è un trekking che richiede circa 12 giorni per essere esplorato al meglio, e parte da Lukla per arrivare a Kala Patthar attraversando la valle del fiume Dudh Koshi.

Informazioni utili
La vallata che ti accoglie in questo trekking è quella del fiume Dudh Koshi. Il dislivello tra il punto di partenza e quello di arrivo è di quasi 10.000 mt.

Tipo di percorso
Il percorso è impegnativo e viene scelto da chi vuole mettere alla prova un allenamento importante, considerando anche il grande dislivello che si percorre.

Quando partire
Senza dubbio l’autunno e la primavera sono i periodo migliori per partire e visitare questi luoghi.

Cosa vedere
Un itinerario consigliato può essere il seguente:

  • all’arrivo a Lukla si può cominciare un trekking di un paio d’ore verso Phakding;
  • arrivati al Monte Kumbila si può ammirare uno dei panorami più belli del mondo;
  • il giorno successivo ci si può dirigere a Namche, a quasi 3.500 mt. slm;
  • una visita imperdibile è quella al Parco nazionale di Sagarmatha.

prenota ora

5) Nepal: Manaslu Circuit Trek

manaslu circuit treck

In questo caso ti suggeriamo un percorso poco battuto in Nepal ma pieno di sorprese e di scorci imperdibili ai piedi del Manaslu un’altra grande montagna fra le più alte del mondo.

Informazioni utili
Questo percorso può essere esplorato al meglio in circa 3 settimane, volendo ammirare ogni tempio o villaggio.

Tipo di percorso
Come detto, il percorso è poco battuto, e si snoda soprattutto nella valle del Manaslu, arrivando però con i percorsi a toccare anche quota 5.000 mt. slm.

Quando partire
Anche in questo caso, si consiglia il viaggio o in autunno o in primavera.

Cosa vedere
In un tour di meno giorni, due settimane, si possono scoprire alcuni dei luoghi più suggestivi, tra i quali:

  • il passo del Larkya a ben 5.125 mt. slm;
  • le viste panoramiche sulle vette di Dhaulagiri e Annapurna;
  • i centri di Deng e Namrung.

prenota ora

6) Torres del Paine: trekking panoramico di più giorni

trekking torres del paine

L’itinerario scelto si trova in Patagonia, e il trekking si snoda all’interno del Parco Nazionale Torres del Paine. In questo parco è possibile fare questo trekking chiamato trekking “W” che si può fare in 5 giorni e non è molto impegnativo o comunque non richiede un’attrezzatura particolare.

Informazioni utili
Il parco è patrimonio dell’umanità dal 1978, e contiene diversi sentieri praticabili.

Tipo di percorso
Il percorso si caratterizza per sentieri sterrati, che però sono percorribili.

Quando partire
Il periodo migliore per questi viaggi è quello autunnale, o in alternativa in primavera.

Cosa vedere
Suggeriamo un itinerario che tocchi i seguenti punti chiave:

  • Valle del Francés e Guarderia de Pudeto;
  • lago Grey esplorato a piedi e naturalmente in barca;
  • le Torri del Paine, cuore del trekking;
  • il Cuernos del Paine e il massiccio che lo comprende.

prenota ora

👍  PER VEDERE ALTRI IMPERDIBILI VIAGGI E PIANIFICARE LE TUE PROSSIME VACANZE:
CLICCA QUI  😎

Trekking di più giorni in Italia

7) La grande traversata dell’isola d’Elba

Questo trekking tutto italiano viene definito anche GTE (acronimo delle iniziali delle parole Grande Traversata dell’Elba). Questo trekking è l’occasione per conoscere l’Isola d’Elba in maniera attiva e completa. Camminando sui suoi sentieri a picco sul mare è possibile ammirare una natura ancora ricca e intatta, scoprire le tracce di una storia millenaria e conoscere la cultura di un popolo che ha assorbito nei secoli gli influssi delle civiltà che si sono affacciate sul Mediterraneo. E’ possibile scoprire una realtà geologica unica al mondo con panorami mozzafiato sull’Elba stesa, sulla costa Toscana, la Corsica e tutte le isole minori dell’arcipelago toscano.

Informazioni utili
In questo percorso, che si snoda lungo la dorsale dell’isola, si possono toccare i principali sentieri del posto, potendo quindi ammirare sia la flora che la fauna locale, con particolare attenzione alla geologia dell’isola.

Tipo di percorso
Il percorso ideale si sviluppa a tappe, interessanti perché toccano tutti i centri abitati, comodità per poter dormire o per rifocillarsi prima di mettersi in viaggio.

Quando partire
Sia in estate che in primavera è possibile godere appieno del trekking.

Cosa vedere
Ci sono alcuni luoghi imperdibili in questo trekking, come:

  • Cavo, che può essere il punto di partenza;
  • il centro di Porto Azzurro da cui partire fino ad arrivare sul Monte Perone;
  • il Monte Capanne;
  • il Passo delle Filicaie.

trekking isola d'elba

8) Selvaggio Blu, il trekking più bello d’Italia

Questo trekking viene definito il più bello d’Italia, ed a ragion veduta. Allo stesso tempo però sembra essere anche il più impegnativo. E’ un trekking di tipo alpinistico quindi occorre avere una dotazione alpinistica (imbrago, corda, caschetto) e bisogna farlo necessariamente con una guida locale o con persone esperte.

Informazioni utili
Ci troviamo in Sardegna, e precisamente nella costa dell’Ogliastra.

Tipo di percorso
Il percorso è stato strutturato quarant’ani fa, e si snoda lungo il Supramonte. Unisce Cala Sisine a Pedra Longa.

Quando partire
Estate e primavera sono i periodi generalmente scelti per godere di questo trekking.

Cosa vedere
Un percorso standard non può mancare di visitare i seguenti luoghi:

  • Portu Cuau;
  • CuilePiddi
  • Cala Goloritzé.

selvaggio blu sardegna

9) Via Francigena Valle d’Aosta

La Via Francigena è un’antica via di pellegrinaggio che partiva dall’Inghilterra, passava per la Francia, Svizzera e Italia fino ad arrivare a Roma dal papa per poi continuare fino a Bari e da li arrivare alla Terra Santa. Il tratto di Via Francigena che interessa l’Italia passa per la Valle d’Aosta, la Toscana, e il Lazio. Il tratto della via Francigena che andremo a vedere noi è il tratto che attraversa la Valle d’Aosta, dal Passo del Gran San Bernardo fino ad Aosta e si può fare in 4-5 giorni. In ogni caso uno può decidere di fare anche più tratti a piedi oppure in bicicletta.

Informazioni utili
In questo percorso si può godere del paesaggio anche dal punti di vista storico, dato che si ha la possibilità di costeggiare i castelli sabaudi.

Tipo di percorso
Il percorso è accessibile, e si snoda lungo vigneti ed aziende presso le quali si possono anche gustare i prodotti tipici del territorio.

Quando partire
L’autunno e la primavera sono i periodi dell’anno più consoni per effettuare questo entusiasmante trekking.

Cosa vedere
Il tour inizia dal Colle del Gran San Bernardo, a quasi 2.500 mt. slm, e prosegue subito verso la valle di Aosta.
Un tratto esterno alla regione fa toccare i sentieri del Piemonte in località Pont-Saint-Martin.

via francigena valle d'aosta gran san bernardo

10) La via degli Dei sull’Appennino

L’ultimo trekking meraviglioso è quello che si snoda sull’Appennino Tosco-Emiliano. Anche qui si ha la possibilità di ammirare paesaggi straordinari che solo in Italia abbiamo in una natura e una montagna che è sicuramente diversa dalle Dolomiti ma non per questo meno bella e affascinante.

Informazioni utili
Si tratta di un trekking che si può definire eno-gastronomico, perché oltre alla natura si possono assaporare anche i prodotti tipici del territorio.

Tipo di percorso
Il percorso è assolutamente alla portata di tutti.

Quando partirePoiché si parte da Piazza Maggiore a Bologna per arrivare in Piazza della Signoria a Firenze via Appennini per circa 130 chilometri, si consiglia il trekking o in autunno o in primavera.

Cosa vedere
Il tour prevede la partenza da Bologna, con prima tappa al santuario di San Luca.
Si prosegue poi verso il Monte del Frate e ancora per Monzuno, fino ad incrociare l’antica via Flaminia.
Superato il Passo della Futa si arriva infine in Toscana.

via degli dei appennino

Altri trekking da fare in Italia

In questa breve guida vi abbiamo accennato solamente solo alcuni dei tantissimi e quasi infiniti giri e trekking di più giorni da fare in Italia e in giro per il mondo, con gradi di difficoltà, lunghezza e dislivello ma soprattutto tipologie di paesaggi straordinari e diversi tra loro. Fra questa carrellata voglio indicarti un altro trekking da fare in Italia.

NOTA BENE: Hai mai sentito parlare del Sentiero Italia CAI? Il sentiero più lungo d’Italia e d’Europa che percorre tutta la penisola da nord a sud. Clicca qui e scopri le varie tappe di questo straordinario trekking nel nostro bellissimo paese.

Translagorai

La Translagorai è un trekking nel cuore della bellissima catena porfirica del Lagorai, lungo ben 80 km (da Panarotta, vicino Treno, fino al Passo Rolle nelle Pale di San Martino) e con circa 5500 m di dislivello positivo da fare in 4-5 giorni. Sicuramente un ambiente aspro, quasi incontaminato e con poca presenza umana (il Lagorai è sicuramente meno frequentato e servito delle Dolomiti) ma con paesaggi unici e straordinari, che ti proiettano in un ambiente wild dalla natura incontaminata.

croce cima d'asta
Croce di Cima d’Asta (2847 m), la cima più alta del Lagorai

In pratica la Translagorai è un’alta via che percorre l’intera catena del Lagorai nel Trentino orientale. Proprio per le caratteristiche sopra indicate (ambiente selvaggio, scarsità di punti di appoggio e vie di fuga, poche persone, grandi distanze e avere tutto l’occorrente per l’autosufficienza) questo trekking risulta difficile e impegnativo, ma è sicuramente ristoratore per l’anima e una pausa dalla frenesia della vita quotidiana. Il periodo consigliato è a Settembre, cioè tra la fine dell’estate e prima dell’arrivo dell’autunno e delle prime piogge.

LIBRO CONSIGLIATO:

escursioni in lagorai e cima d'asta
Clicca sull’immagine

Conclusioni

Abbiamo visto un carrellata di viaggi ed esperienze di più giorni in Italia e nel mondo da fare assolutamente, e se sei entrato in questo sito sicuramente come me sei un appassionato dell’avventura del trekking e della natura. Perciò se non l’hai già fatto ti consiglio vivamente di risparmiare i soldi e dedicarti almeno una di queste esperienze straordinarie.

👍  PER VEDERE ALTRI IMPERDIBILI VIAGGI E PIANIFICARE LE TUE PROSSIME VACANZE:
CLICCA QUI  😎

I trekking in Italia sono sicuramente più semplici da gestire anche in autonomia, anche se però voglio ricordare che nel pianificare un trekking di più giorni bisogna sempre fare attenzione a tutto e preparare bene lo zaino prima di partire e avere comunque una certa padronanza dell’ambiente montano. Per quanto riguarda invece i viaggi all’estero ti consiglio (o in molti casi è obbligatorio) affidarsi a una guida esperta o nel caso dei viaggi all’estero ai trekking organizzati. Per andare in certi luoghi infatti oltre all’aereo servono tutta una serie di permessi e burocrazia impossibile da gestire autonomamente. Per il resto non mi resta che augurarti buon viaggio e buone escursioni.

LEGGI ANCHE: 

Lettura consigliata:

Ecco un interessantissimo volume con i 100 trekking più emozionanti, avventurosi e spettacolari del mondo con le fotografie National Geographic. 

100 trekking imperdibili
Clicca sull’immagine

LINK UTILI:

Itinerari - 🥾 Trekking - 📚 Libri - 🎞 Film - 🔎 Carte topografiche - 🛒 SHOP ONLINE

CONDIVIDI SU:
Andrea Dianin

Andrea Dianin

Classe 1983, fin da bambino ho avuto la passione per la montagna e la natura. Nel 2011 mi sono iscritto al C.A.I. dove ho seguito diversi corsi (Escursionismo e Alpinismo). Oggi la montagna è una passione viva più che mai oltre che uno stile di vita. Faccio il Blogger per professione e recentemente ho deciso di aprire questo sito per trasmettere le mie conoscenze e la mia passione agli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Abbigliamento e Attrezzatura OutdoorSCOPRI DI PIU'